Incontro di sensibilizzazione-informazione-discussione sull’autismo

Team il Cuneo

Lo sapevate che il blu è il colore simbolo scelto a rappresentare la giornata mondiale della consapevolezza dell’autismo? E che ogni anno dal 2013 in molte città che aderiscono al progetto di sensibilizzazione un monumento si tinge di blu?

Anche la Presidenza della Repubblica ha aderito il 2 aprile 2018, così la Fontana dei Dioscuri, sita al centro della Piazza del Quirinale, a Roma, è stata illuminata di blu.

“UMI FORMAZIONE” si è posta il problema di come porsi nei confronti di questo tipo di pazienti che risultano sempre più numerosi e bisognosi di trattamento e approccio specifico.
Lo spettro autistico interessa fino all’1% della popolazione generale, più frequente nei maschi.
Ha evidenze per una componente genetica ed un coinvolgimento neurologico.

Si stima che 400 mila persone in Italia (quindi una persona su 150) abbiano disturbi dello spettro autistico: circa 100 mila tra i minori (in pratica uno su 100).

Per affrontare alcuni di questi aspetti “UMI FORMAZIONE” il giorno 22 settembre 2018 organizza a Valmadrera (Lecco) presso il Centro Culturale Fatebenefratelli Via Camillo Benso Cavour, 4 (Sala Consiliare) l’evento:

Incontro di sensibilizzazione-informazione-discussione sull’autismo

LENTI, SEQUENZIALI E COSTANTI
Come relazionarsi ai pazienti con funzionamento autistico

Accreditato con n. 4 crediti ECM per:

  • medici chirurghi (tutte le discipline) e psicologi. Aperto (con rilascio attestato di partecipazione)
  • logopedisti
  • fisioterapisti
  • infermieri
  • terapisti occupazionali
  • educatori professionali
  • familiari

PROGRAMMA

Ore 09,00 – L’autismo prima dei 18 anni

Maria Emilia Seira Ozino (Professore a contratto Dipartimento di Filosofia e Scienze dell’Educazione dell’Università̀ di Torino).

Curatrice dell’interessante “Vademecum – per conoscere e meglio interagire con piccoli e grandi pazienti con autismo”, con la collaborazione del Coordinamento Autismo Piemonte.

“Che tristezza – scrive il Coordinamento nell’introduzione della guida- vedere adulti con autismo con condizioni orali ormai irrimediabilmente compromesse. Quanto dispiacere pensando a che cosa possano soffrire bambini e ragazzi con carie o ascessi non curati”.

L’autismo è una disabilità che impedisce un’integrazione nella società̀. Però se diagnosticato in tempo e trattato con un corretto programma educativo/abilitativo individualizzato, tarato sulle specifiche caratteristiche e potenzialità̀ della persona autistica ha un margine di miglioramento altissimo.

Ore 10,00 – Le problematicità̀ dell’autismo nella vita adulta

Andrea Cocchi (Psichiatra) – Direttore Sanitario il cuneo salute s.r.l.

Ore 10,15 – Cascina Rossago. Evidenze di un’esperienza

Stefania Ucelli di Nemi (Psichiatra responsabile della “Farm Community” di “Cascina Rossago”).

Un luogo di vita, con opportunità̀ di relazione e cura specifica per persone adulte con autismo. Il progetto Cascina Rossago nasce dall’esigenza di individuare risposte adeguate al problema dell’evoluzione del disturbo autistico nell’età̀ adulta.

La RSD Cascina Rossago è una struttura, operativa dal maggio 2002, accreditata dalla Regione Lombardia con delibera VII/16780 del 19 Marzo 2004. La struttura residenziale è costituita da 3 unità abitative da 8 posti ciascuna oltre a numerosi laboratori, uffici, aree di servizio, stalle ed altri fabbricati agricoli.

Non è quindi uno sradicamento o una separazione, ma è un graduale percorso di crescita sia dell’ospite che dei suoi familiari, verso la massima autonomia possibile, per un buon uso degli isolotti di capacità e dei talenti speciali.

Cascina Rossago è un luogo per crescere e acquisire una progressiva indipendenza dalla

famiglia, come per tutti gli adulti, in vista del “dopo di noi”.

Ore 11,15 – Coffee break

Ore 11.45 – Discussione e approfondimento con i tre relatori

Ore 13.00 – Discussione finale e chiusura lavori

 

Per iscrizioni, cliccate qui per scaricare e compilare la scheda, grazie!